Presepe Vivente degli Antichi Mestieri

Presepe Vivente
La tradizione del Presepe vivente risale intorno al 1223 ad opera di S. Francesco d´Assisi che, volendo osservare con gli occhi del corpo l´umiltà dell´Incarnazione, rappresentò nel paesino di Greccio la natività. Così racconta l´episodio Tommaso da Celano, biografo del santo:"Greccio è divenuto come una nuova Betlemme ... la gente accorre e si allieta di un gaudio mai assoporato prima, davanti al nuovo mistero ... I frati cantano scelte lodi al Signore e la notte sembra tutto un sussulto di gioia ... Uno dei presenti ha una visione: gli sembra che un bambino giacesse nella mangiatoia ...".
Fedeli all´intuizione del poverello d´Assisi, gli adulti e i giovani della comunità parrocchiale di Santa Maria La Stella, realizzavano ogni anno il Presepe degli Antichi Mestieri, che veniva ospitato nello spazio antistante la canonica e su parte della piccola piazza Pio XI.
Il presepe nacque quasi per gioco nel dicembre del 2002, è rappresentato un importante evento di valorizzazione dei mestieri e delle tradizioni popolari siciliane.
Nel corso delle varie edizioni, ha riscosso un notevole successo di pubblico raggiungendo circa 40.000 presenze all´anno, nonché il passaggio sulle reti televisive locali (Antenna Sicilia) e nazionali (uno mattina di Raiuno).
Lo "spettacolo" aveva luogo presso i locali parrocchiali in cui i numerosi personaggi riproducevano fedelmente l´esecuzione di antichi mestieri e scene/luoghi sempre più rari, riuscendo a suscitare grandi emozioni e riproponendo, alle nuove generazioni, con fedeltà, le tradizioni locali senza false rappresentazioni.
I lavori di costruzione iniziavano nel mese di Ottobre, per poi concludersi con la demolizione nel mese di febbraio. L´originalità del Presepe degli Antichi Mestieri è che ogni anno era strutturalmente diverso pur mantenendo i tradizionali Antichi Mestieri.
Nell´Edizione del 2010-2011 fu costruta una grande arca che simulava l´Arca di Noè, mentre nell´edizione del 2011-2012 intitolata "a un passo dal Cratere" è stato costruito un vero e proprio cratere vulcanico. Nell´ultima edizione del 2012-2013 fu riprodotto il porto di Catania.
Grande attrattiva del Presepe Vivente degli Antichi Mestieri è stata la presenza degli animali come l´asinello, il bue, le pecore, i galli, i cavalli, ecc. per la gioia dei più piccoli.
Dal 2013 purtroppo non ha più avuto luogo per motivi tecnico-logistici e organizzativi.

Torna Home del sito